COSA NON TI FA DORMIRE LA NOTTE?

comments 3
Pensieri
Photo by lucas Favre on Unsplash
Photo by lucas Favre on Unsplash

Come membro ormai pluriennale del “Club ‘Anta” ho definitivamente scoperto cos’è che non mi fa dormire bene la notte, e svegliare presto al mattino (a parte le bizze di uno dei miei due gatti).

I Soldi. I maledetti soldi.

Dopo essere uscito immune da due periodi di rosso sul conto in banca, di cui uno ha anche comportato il blocco per 3 giorni delle carta di credito, un po’ ho fatto pace con la paura di questo evento. La vita continua e ho una famiglia in grado di darmi una mano nei momenti di bisogno.

Quello che mi tiene sveglio è il fatto che pur considerando ormai tutto della vita effimero, il mio essere ormai sia ‘grande’ che ‘padre di famiglia’ e dovermi preoccupare della marea dei soldi – che vanno e vengono, alla fine della fiera – è una cosa che destabilizza una delle certezze che avevo da ragazzo.

È dal 2011 che sono ormai conscio che a differenza della generazione dei miei genitori, la mia generazione farà dell’incertezza estrema il suo manifesto. Paghiamo di tasca nostra le comodità e i porci comodi che la generazione precedente ha fatto. E nonostante questo abbiamo anche messo mano al portafogli della felicità delle generazioni a venire. All’approssimarsi dei 50 anni non mi vedo immerso in una serena navigazione verso la pensione, magari condita da una crescita professionale ed economica, ma sempre più alle prese con un Oceano in tempesta … e con meno forze in assoluto e tempi più lunghi di recupero tra una raffica e la successiva.

Vorrei forse essere meno stanco, per sentirmi più in grado di aiutare al massimo i miei cari. Semplicemente.

The Author

♂, amichevole cittadino del web, motociclista, geek, lettore, curioso. Un padawan delle arti di SysAdmin & DevOps. Sono un – attivo – social networker dal 1999 con il nickname “kOoLiNuS”.

3 Comments

  1. Roberto says

    Non solo Nicola. Non solo la nostra condizione, ma anche la direzione che sta prendendo il mondo e di cosa dovranno affrontare i nostri di figli.

    Sempre con un occhio di riguardo verso le future generazioni, atteggiamento diametralmente opposto alla generazione precedente alla nostra.

    Se può consolarti, non sei il solo a svegliarsi di notte con questi pensieri…

  2. xlthlx says

    Conosco bene la situazione che descrivi, e’ stato uno dei motivi che mi ha spinto ad emigrare. E nonostante ci siano altri problemi qui in questo momento, quel problema non c’e’, e sono discretamente sicura che non ci sara’.
    So che non e’ una scelta facile, ma te lo dico lo stesso: pensaci. Seriamente.

  3. Non è una scelta facile, lo dico per esperienza, ma probabilmente è questo quello che la vita richiede in questo momento storico. Secondo me xlthlx non ha tutti i torti.
    Ciao,
    Emanuele
    PS: a scanso di equivoci lo ripeto: non è una scelta facile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.