Vai al contenuto

IL BACETTO DI UNA BAMBINA

Scritto da:

Nicola

Ieri arrivavo tutto arrabbiato al lavoro, il traffico, il ritardo, le preoccupazioni per le rogne che mi aspettavano in ufficio. A condire il tutto mio figlio, che con nonchalance durante il tragitto si è sfilato scarpe E calze… e tu hai voglia a coprirlo, fargli prendere lo sciroppo contro la tosse e così via. Per non parlare poi del tempo perso a rivestirlo, con l’auto in doppia fila ed il traffico dell’ora di punta al mattino.

Insomma, quando entro al nido il mio volto non è esattamente solare.

Poggio il nano malefico sull’armadietto e comincio le operazioni di cambio per la sua permanenza in classe e nel mentre cominciano a passare le classi dei bimbi di 3 e quattro anni che, mano nella mano, si recano verso la sala mensa canticchiando con le loro maestre le canzoncine … Una bimba mi osserva mentre finisco di preparare il mio nano malefico, e probabilmente coglie una mia carezza verso di lui, coglie il saluto cordiale che io e le altre maestre ci regaliamo e, mentre canta, fa un sorriso a me e al nano e ci manda un bacio volante. E tutta l’incazzatura svanisce per magia. Puff!

Buongiorno!

Articolo precedente

QUANDO FAI UNA COSA, FALLA PER TE E NON PER ALTRI.

Articolo successivo

SMETTERE DI (CERCAR DI) CONTROLLARE

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.