LE 9 COMPETENZE CHIAVE

Leave a comment
Pensieri

All’interno della comunità “Saper Imparare”, Luca ha lanciato un piccolo esercizio nato in seguito alla lettura di un (ennesimo) post interessante sul blog di Erin Casali

Nesta, una organizzazione no-profit anglosassone, nei suo documenti individua 9 competenze chiave per “promuovere una cultura di problem solving sperimentale nei governi.”

Luca, come dicevo, ha pensato a queste capacità personali come ad un insieme in grado di aiutarci ad affrontare tantissimi aspetti della nostra vita, e ci ha invitato a riflettere qualche minuto su come noi ci vediamo rispetto a ciascuno di essi.

Queste sono state le mie risposte. E mi andava di condividerle in qualche modo anche pubblicamente

  1. Agilità: flessibilità nel rispondere ai cambiamenti
    La vita è un perenne cambiamento, metter su famiglia, aumentarla di numero, fronteggiare una pandemia, modificare il proprio lavoro è quanto fatto in meno di tre anni… siamo “agili” abbastanza direi
  2. Orientamento all’azione: privilegiare il fare e l’imparare facendo
    Non sono rapido all’azione. Molto spesso non credo nelle mie capacità e tendo a rimandare o comunque a prepararmi ‘a sufficienza’ prima di agire in maniera effettiva. Forse a quest’età dovrei essere più deciso.
  3. Curiosità: il desiderio di esplorare nuove possibilità
    Una cosa che non mi manca senz’altro… la distrazione, l’innamoramento verso qualcosa di nuovo è sempre dietro l’angolo.
  4. Riflessione: l’abitudine di pensare criticamente a ciò che si fa
    Anche questa è una caratteristica che mi riconosco. Quanto io riesca ad essere obiettivo in questa valutazione costante è il vero punto della questione.
  5. Coraggio: il non aver paura di rischiare
    Sto pensando a quale situazione possa definire una mia azione coraggiosa o meno. Lotto con i denti sempre. Quando non ce la faccio ho la fortuna di una compagna a sostenermi e a ridarmi slancio. Tendenzialmente ‘non rischio’, non sfido l’ignoto o la sorte
  6. Concentrazione sui risultati: il fare per ottenere dei risultati
    Come ho scritto spesso qui, e altrove, non ho risultati da portare a casa. Ho una stabilità lavorativa, ho degli affetti stabili… tendo a godermi quello che ho, senza spingermi oltre. Senza il desiderio di aver altro. Non voglio di più, voglio il tempo per godere quello che ho di più.
  7. Immaginazione: visualizzare scenari e ipotesi di lavoro alternative
    Da bambino giocavo da solo per ore, immaginando astronavi e robottoni. Da grande non immagino niente. Mi è capitato di immaginare perni, prese, dettagli per l’arredo di casa assieme a mia moglie. Ma far correre la mente e disegnare / progettare qualcosa non è più mia abitudine. Inteso come da “domanda”, invece, ho spesso pensato a un cambiamento… ma mi sento abbastanza disilluso e cinico per poter sperare che diverso da ora sia meglio di ora.
  8. Resilienza: resistere e recuperare velocemente da situazioni critiche
    Resistere ok. Recuperare ok. Velocemente non tanto ok 😉
  9. Empatia: mettersi nei panni degli altri, vedersi dal loro punto di vista
    Anche questo è una capacità che creo di avere, però come detto sopra sono anche obiettivo nel valutare il perché di una persona? Nel senso, ciascuno vive in maniera personale quel che gli capita, dietro un certo contesto e percorso di crescita. Ora io posso anche immaginarmi come reagirei nella situazione brutta/bella in cui ti trovi ora mentre mi leggi… ma posso capire come ti senti tu?

The Author

♂, amichevole cittadino del web, motociclista, geek, lettore, curioso. Un padawan delle arti di SysAdmin & DevOps. Sono un – attivo – social networker dal 1999 con il nickname “kOoLiNuS”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.