Vai al contenuto

Girotondo per Greta

Scritto da:

Nicola

I pezzi sulla scacchiera sono ben confusi, la partita è iniziata da tempo e tu pensi di saper giocare, ma guardi e ti rendi conto che puoi solo provare a raddrizzare il corso degli eventi. E che non è detto tu riesca farlo.

Due film completamente diversi negli ultimi giorni hanno riportato alla mia attenzione gli scacchi e la morte, citando anche in maniera esplicita “Il settimo sigillo” di Ingmar Bergman. Due commedie, dagli intendi dichiaratamente comici.

E la tosse occasionale, un certo affanno nelle camminate veloci, la preoccupazione per me e per le persone che mi sono accanto si stanno mescolando nella mia testa. Di nuovo non sto dormendo benissimo e sono qui a scrivere non so bene cosa, ma sentivo il bisogno di fissare queste impressioni e pubblicarle. Per poi magari tornarci a riflettere a mente fredda e trovare un senso, uno schema logico. Magari una forma compiuta al sentire di un momento.

E mentre chiudo questo post, mi arrivano alle orecchie le note di Girotondo per Greta … e mi pare giusto intitolarlo così e suggellare questo momento di scrittura su questo piano che porta via i pensieri, e mi avvicina al sonno ristoratore.

Articolo precedente

il (secondo) Natale fantasma

Articolo successivo

Asfissìa

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.