Vai al contenuto

A big family

Scritto da:

Nicola

L’altro giorno sfottevo un’amica, madre di tre figli sulle cose indicibili della vita… La mia battuta “Aspetti il quarto figlio?” si è scontrata contro un mogio “Si”.

E la capisco … oggi mantenere quattro figli è un vero lusso. Altro che moto, vacanze ogni fine settimana, gioielli o altro. Avere un clan che cresce assieme, tra lacrime e risate è ormai un ricordo di tempi passati. Ma è proprio giusto che sia così?

Io me la ricordo ancora la casa bella pulita, in ordine, e vuota alla domenica sera e al lunedì al rientro dal lavoro. Era una casa morta. Bella, accogliente, calda. Ma morta. Niente vi apparteneva. Ed è stata così tanti anni. Poi sono arrivati loro. Poi è arrivato lui.

Niente è stato più in ordine. Sono in ritardo su tutto, la pila di libri da leggere cresce aumenta sempre di più. La stanchezza è infinita.

Ma.

Ma basta un abbraccio, basta un momento di delirio creativo, basta un momento di comunione per ripagare tutto quello che “pesa”. E allora Auguri amici miei… spero di accompagnarvi in questa nuova avventura e potervi essere d’aiuto nel momento di stanca. A presto ‘fagiolino’ …

via Rajiv Perera

Articolo precedente

Di velocità e cambiamenti grafici

Articolo successivo

2022-02-04, la canzone del mattino

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.