Vai al contenuto

Quel motivetto che fa…

Scritto da:

Nicola

Nel dormiveglia mattutino di cui parlavo nel blog principale, o pubblico, che dir si voglia mi era venuto in mente l’incipit o lo spunto per questa personale riflessione del momento che sto vivendo.

Ho vissuto gli ultimi venti giorni praticamente ‘trascinato’ ed in attesa che un evento cloud successo lo scorso lunedì avesse compimento. Io non dovevo far nulla. Solo aver fiducia, non ammalarmi, non prendere il COVID-19, dimagrire qualche etto se non qualche chilo… sopravvivere insomma.

Siam sopravvisuti, nuovi dolori e nuovi acciacchi, nuovi lividi che col tempo spariranno e mi sono reso conto che la mia amata musica non mi ha fornito alcun sostegno emozionale in questo momento. Forse perché bombardato dagli input musicali delle canzoni che mio figlio balla, che mi provocano gioia e fanno ridere (e ballare) con lui ma nulla toccano del ‘mio personalissimo sentire’.

Le playlist sui servizi di streaming sono state si presenti in qualche forma, ma più come tappeto sonoro per distrarmi dai rumori della strada o dei colleghi, per le volte che sono andato in presenza, che come vera e propria camera per amplificare i miei sentimenti, o aiutarmi a combatterli.

Niente che si avvicinasse ad un ascolto dedicato, attento ed esclusivo di quel Bohemian Raphsody che mi sono sono regalato un mese fa in una mattina di allegria, senza ombre in vista.

Le note del quartetto inglese mi hanno rapito e fatto danzare, viaggiare con la mente tra l’intimo e lo show, il silenzio e il casino duro per divertirsi… minuti in cui ho sentito di esser vivo, in cui mente e corpo all’unisono provavano lo stesso piacere in quella forma che cercavo di esprimere commentando sul blog di Camu giorni fa…

Ma è stato un attimo … e in questi giorni questo “abbandono delle sensazioni” che non fossero paura e l’amore verso mia moglie e mia figlia mi hanno lasciato esattamente nello spirito della chiosa del brano dei Queen.

Nothing really matters
Anyone can see
Nothing really matters
Nothing really matters to me

Any way the wind blows…

Freddie Mercury

Articolo precedente

La spremuta

Articolo successivo

È questo il mondo che voglio?

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.