COME UN PUGNO NELLO STOMACO

Leave a comment
Pensieri

Da qualche tempo sono iscritto alla newsletter The Daily Dad… nella email di oggi viene toccato un tema che mi colpisce da vicino. Da molto vicino.

L’arrabbiarmi (talvolta veramente) contro il piccolo Loz, sfogando su lui tutto il rancore che si accumula durante la giornata. Mai fisicamente, ma nella mia testa e purtroppo nel mio tono di voce e nel mio sguardo.

Tocca che rifletta bene e lungo su questo aspetto del mio caratteraccio…

Here’s a better question, one that might stop you cold: How many times have you been told? Not when you were a kid, but lately. About the importance of eating better. Of the relationship between exercise and weight. About how gross it is to bite your nails. To save for retirement. To read that important book. To update your operating system. 

And yet, and yet and yet…You’re still doing them. Or not doing them. You got a speeding ticket last month that cost you $250 and here you are still driving faster than you should. 

So why don’t you cut them a little break? Or at least be a little more understanding? Just because it’s clear what someone is supposed to do (or not do) doesn’t mean it’s easy. Especially when you’re a kid. Especially when your whole life is people throwing commands and demands at you. So relax. Be kind. Be patient. And maybe try to inspire them by showing them how it’s hard for you too—but you’re still trying.

The Daily Dad | January 17, 2020

(Il grassetto è mio!)

UN NUOVO SÉ

Leave a comment
Pensieri

Sempre riprendendo il discorso del nuovo anno, dei propositi, degli obiettivi mancati e di quelli conseguiti mi è piaciuta questa citazione…

Non rinnegare se stessi, confrontarsi con le proprie azioni e le loro conseguenze, sbagliare e trarre insegnamento dagli sbagli è quello che cerco di fare sempre. Ovviamente non mi riesce sempre, certi errori uno li ripete e basta… educazione, influenza del contesto sociale, fretta, mancanza della voglia di ‘sbattersi’ cinque minuti in più contribuiscono.

Molti parlano del meditare, e ci sto provando … ma quello che ho già capito in una decina di sedute è che bisogna imparare a mettersi “sulla riva del fiume” e guadare un attimo il sentimento che passa, estraniarsi da esso e giudicarlo per quello che è. È un esercizio utile, un pensare prima di parlare… figuriamoci prima di agire.

2020

comments 3
Pensieri

Il duemilaventi è cominciato ormai da qualche giorno, e ormai tutti siamo rientrati al lavoro. O sei ancora in ferie?

Io durante queste vacanze mi sono dato da fare a tavola, ma ormai son vecchio e non reggo più il ritmo di un tempo. Soltanto pranzi e all’ora di cena ancora la sensazione di pieno e di digestione in corso. Avrei forse dovuto assaggiare qualche amaro in più al termine dei pasti?

AMA IL PROSSIMO TUO (COME TE STESSO)

comments 2
Pensieri

I think the hardest thing for anyone is accepting that other people are as real as you are. That’s it. Not using them as tools, not using them as examples or things to make yourself feel better or things to get over or under.

Zadie Smith

Ma sbaglio o un tizio di nome Gesù lo aveva detto circa duemila anni fa?

Il rispetto altrui è una delle più basilari forme di convivenza civile. Peccato che sia la ‘regola’ più spesso dimenticata tra amici, conoscenti, parenti o semplicemente persone che si relazionano. Dalla signora in coda con noi al supermercato al pedone / ciclista distratto all’incrocio.

Lo avevi mai notato?